I guerrieri della notte

“I guerrieri della notte” di Sol Yurick: la prima edizione italiana

Nell’appendice di questo articolo di Alessandro Aloe per Crombie Media si parla del nostro pezzo “The Warriors”, ispirato sia al libro I guerrieri della notte (1965) di Sol Yurick, sia al film omonimo di Walter Hill.

La canzone appare sul nostro album Slasher – Street Punk Anthems.

Buona lettura e buon ascolto!

Audio di “The Warriors”

Testo

Guerrieri accovacciati
All’ombra d’una tomba
Sporchi ed ansimanti
Per la lunga corsa
Luna brilla in alto
Illumina i sepolcri
Tra ombre nette e cupe
C’è chi li vuole morti.

Non mi fermerò
I color difenderò.

Rit.: Warriors! Come out to play!

Lottar tutta la notte
Per ottenere che?
Tregua non ti danno
Scelta non ce n’è
Indossa i tuoi colori
Schiarisci i pensieri
Gloria e lunga vita
Intrepidi guerrieri!

Non mi fermerò
I color difenderò
E non fuggirò
I color difenderò.

Omaggio al videogioco Nintendo NES “Friday the 13th” (1989)

Il videogioco per Nintendo NES "Friday the 13th" (1989), ispirato alla saga di "Venerdì 13"

Ecco a voi il nostro omaggio al videogioco per Nintendo NES Friday the 13th e alla sua colonna sonora.

Si tratta dello strumentale Slasher, incluso nel nostro album Slasher – Street Punk Anthems (Skinhead Sounds, 2019): potete ascoltarlo su Bandcamp, su Youtube e su Spotify.

5 esempi di cinema punk horror

Il blog Crombie Media ha dedicato un articolo al cinema punk horror di questo decennio!

Si parla di Night of the Punks (2010), Pop Punk Zombies (2011), Green Room (2015), The Ranger (2018) e Straight Edge Kegger (2018).

Leggete l’articolo di Crombie Media: 5 film punk horror contemporanei.

5 film punk horror contemporanei

Potrebbe interessarvi anche il nostro post sul cinema horror politico contemporaneo… Date uno sguardo!

 

6 pezzi punk ispirati al mondo del cinema

Tre band straniere e tre italiane – tra cui The Unborn – rendono omaggio al mondo cinematografico

Angels with Dirty Faces

Il blog dell’etichetta Folk Beat Vendetta – che ringraziamo – ha inserito la nostra canzone “Hanno Cambiato Faccia” in un elenco di 6 pezzi punk ispirati al mondo del cinema!

Siamo in ottima compagnia, visto che oltre a noi appaiono, in rappresentanza dell’Italia, i Bloody Riot con “Gioventù Bruciata” e i Klaxon con “Brutti, Sporchi e Cattivi”.

I gruppi stranieri inclusi nella lista sono invece i Clash con “The Right Profile”, gli Sham 69 con “Angels with Dirty Faces” e i Toy Dolls con “James Bond”.

Canzoni punk ispirate al mondo del cinema

Potete ascoltare “Hanno Cambiato Faccia” – tratta dal nostro EP Apoi!calypse – su Bandcamp, Spotify oppure su YouTube!

 

5 film horror moderni consigliati dagli Unborn

La band street punk consiglia alcuni horror contemporanei contenenti riflessioni politiche e sociali: Babadook (2014), The Witch (2015), The Love Witch (2016), Scappa – Get Out (2017) ed Hereditary – Le Radici del Male (2018)

Film horror moderni: Babadook

Terrore e politica nell’horror moderno

Chi dice che i film horror moderni non possono far paura? Non parliamo dello spavento procurato dagli sbalzi di volume, da apparizioni improvvise o da trucchetti simili, ma della costruzione della tensione tramite una trama intelligente e personaggi ben studiati.

Abbiamo già parlato, in un post precedente, della nostra passione per l’horror politico: sotto questo termine vengono raggruppati film a volte molto diversi tra loro, ma che comunque si propongono di commentare tematiche politiche e sociali.

I brani degli Unborn – disponibili su Bandcamp e Spotify – sono in genere ispirati a film horror o di fantascienza politici: “Hanno Cambiato Faccia” e “La Città Verrà Distrutta all’Alba” non sono che due esempi di questa nostra preferenza, anche se nel nostro repertorio non mancano pezzi più “spensierati” (si fa per dire!), come lo strumentale “The Shape”, dedicato a Michael Myers.

Film horror moderni da non perdere

Gli Unborn vi consigliano cinque film horror recenti di alta qualità, tutti accomunati dalla presenza di riflessioni politiche e sociali.

Babadook (2014)

Babadook (The Babadook) è opera della regista australiana Jennifer Kent. Il suo punto di vista femminile rende estremamente interessante questo horror psicologico, che offre numerosi spunti sulla relazione madre-figlio e sul rapporto con le proprie paure. Coinvolgimento emotivo assicurato, finale sorprendente.

The Witch (2015)

The Witch di Robert Eggers è un horror di classe che prende di mira religione e superstizioni. Ambientato nel New England della prima metà del XVII secolo, The Witch fa della cura degli aspetti linguistici uno dei suoi punti di forza, e questo rende praticamente obbligatoria la visione in lingua originale.

The Love Witch (2016)

La visione in lingua inglese non è un’opzione per The Love Witch, di cui non esiste un’edizione italiana. Opera della statunitense Anna Biller, il film si occupa in maniera intelligente di una tematica di grande attualità – ovvero la condizione della donna, soprattutto all’interno del rapporto di coppia – presentandola in una cornice impeccabile che rende omaggio ai film dell’orrore e in Technicolor degli anni ’60.

Scappa – Get Out (2017)

Scappa – Get Out (Get Out) di Jordan Peele ha per oggetto il razzismo dissimulato di stampo liberal, nonché nuove forme di discriminazione nei confronti dei neri americani. Chi pensava che l’elezione di un presidente nero rappresentasse il tramonto dei pregiudizi razziali negli Stati Uniti, avrà materiale su cui riflettere.

Hereditary – Le Radici del Male (2018)

In Hereditary – Le Radici del Male (Hereditary) di Ari Aster ad essere messa sotto accusa è invece un’istituzione come la famiglia, che non solo non protegge dal male, ma può rappresentare il male stesso. Questo è forse l’horror più scioccante e agghiacciante degli ultimi anni.

Conclusioni

Naturalmente, esistono altri film horror moderni con sottotesti politici e sociali: basti pensare alla saga de La Notte del Giudizio della prolifica Blumhouse Productions, ma l’elenco potrebbe continuare.

L’horror di qualità è tornato – ma era mai veramente scomparso? – e oggi, come in passato, non può fare a meno di commentare ciò che abbiamo attorno.

10 esempi di horror politico

Horror politico: "Essi Vivono" di John Carpenter

Gli Unborn e l’horror politico

Gli Unborn sono interessati al cinema horror non tanto per il gusto per il gore, ma soprattutto perché questo genere cinematografico può essere un ottimo veicolo di messaggi di protesta.

Parliamo di questa preferenza anche in un altro post del nostro blog, in cui abbiamo consigliato cinque film horror politici moderni.

Film horror con messaggi politici e sociali

Wired ha raccolto dieci esempi di horror politico: tra questi film – sia recenti che dei decenni passati – abbiamo già reso omaggio ad Essi Vivono di John Carpenter con la canzone “They Live”, di cui abbiamo registrato una versione in italiano (Bandcamp, Spotify) e una in inglese (Bandcamp, Spotify). Buona lettura!

10 film horror con un sottotesto politico

Link all’articolo originale.

Tributo al film “La Città Verrà Distrutta all’Alba” (1973)

Il brano “La città verrà distrutta all’alba” – apparso sul nostro singolo di debutto “Obey” – rende omaggio al film omonimo di George Romero

La Città Verrà Distrutta all'Alba (The Crazies)

La città verrà distrutta all’alba

La canzone antimilitarista La città verrà distrutta all’alba – tratta dal nostro 7″ di debutto Obey – è ispirata all’omonimo film horror e di fantascienza di George Romero (1973).

Lyric video

Ascolta il brano

Puoi anche ascoltare “La Città Verrà Distrutta all’Alba” su Bandcamp o su Spotify.

Omaggio ad “Halloween – La Notte delle Streghe” (1978)

Il nostro brano strumentale “The Shape” rende omaggio ad “Halloween” di John Carpenter e alla sua colonna sonora

Halloween – La notte delle streghe (Halloween)

Halloween – La notte delle streghe

Lo strumentale “The Shape”, con tastiere di Emiliano Natali, incluso nell’EP Apoi!calypse, costituisce un tributo al film classico di John Carpenter uscito nel 1978, così come alla sua colonna sonora, composta dal regista stesso.

In questo film Michael Myers è interpretato da diversi attori, che vengono così accreditati nei titoli di coda: Will Sandin, ovvero “Michael age 6”, Tony Moran, ossia “Michael age 23”, e Nick Castle, che interpreta Michael mascherato, accreditato come “The Shape” (“la forma”).

“The Shape” è anche il “nome d’arte” del nostro cantante.

Ascolta “The Shape”

Ascolta il brano su Bandcamp, su Spotify o su YouTube!

 

Omaggio al film “Hanno Cambiato Faccia” (1971)

Un brano del nostro EP “Apoi!calypse” rende omaggio al film omonimo di Corrado Farina, una gemma poco conosciuta dell’horror politico italiano

Hanno Cambiato Faccia

Un tributo a Corrado Farina

La canzone “Hanno Cambiato Faccia” – che appare sull’EP Apoi!calypse – è un tributo alla pellicola omonima di Corrado Farina, regista torinese scomparso nel 2016.

Suo figlio Alberto, dopo aver saputo di questo omaggio, è stato così gentile da contattarci e parlare di noi sul suo profilo Facebook.

Il film – che si basa sull’idea che i vampiri non siano scomparsi, ma si siano soltanto trasformati nei moderni capitalisti – è purtroppo difficilmente reperibile sul mercato home video, ma in compenso è disponibile per intero su YouTube.

Ascolta “Hanno Cambiato Faccia”

Puoi ascoltare la nostra canzone su Bandcamp, su Spotify oppure su YouTube. Fai scorrere la pagina per leggere il testo.

Testo

Un morso freddo, la volontà in fumo
Labbra sul collo, psicoseduzione
Sei come Alice nel Paese del Consumo
Anima in scatola, prezzo d’occasione.

Sono creature notturne a caccia
Non sono morti, hanno cambiato faccia!
I loro morsi non lasciano traccia
Non sono morti, hanno cambiato faccia!

Ti lasci andare al bacio del non-morto
È lui che crea i tuoi desideri
Vuole il tuo sangue, la tua mente, il tuo corpo
Vampiri ieri, oggi finanzieri.